Italpol Vigilanza Eleva Gli Standard Di Sicurezza

Tra i tanti settori impegnati nella lotta contro il Covid19, troviamo sicuramente anche i rappresentanti della vigilanza privata. Per fronteggiare l’emergenza e continuare ad offrire un servizio professionale, Italpol Vigilanza eleva gli standard di sicurezza ed utilizza telecamere termiche per la misurazione della temperatura corporea.

Ad oggi sono oltre 40.000 le guardie giurate che prestano servizio nelle stazioni e negli aeroporti, fuori dai supermercati e negli ospedali, nelle banche e nelle aziende. Come richiesto dal Ministero della Salute, Italpol non solo ha fornito al suo personale tutti i dispositivi di protezione personale previsti (guanti, mascherine, disinfettanti), ma ha deciso di incrementare ulteriormente gli standard di sicurezza, dotando le guardie giurate di nuove apparecchiature tecnologiche, in particolar modo, di telecamere termiche.

“La telecamera termica – dice Giulio Gravina, AD di Italpol– è un modo veloce e sicuro, a tutela della salute sia degli operatori che degli ospiti senza ledere la privacy di coloro che vengono sottoposti a controllo”.

Questi apparecchi, che consentono di rilevare la temperatura corporea, consentono di convertire il calore dei corpi in movimento in impulsi termici. Tali impulsi, attraverso appositi software, vengono convertiti in immagini che segnalano quando la temperatura sale sopra il limite stabilito. In questo modo le persone non sono costrette a fermarsi per misurare la temperatura e l’operatore non deve loro avvicinarsi come succede utilizzando un normale termo rilevatore, attenuando così i rischi di contagio.

Articolo tratto da unfoldingroma.com

Leggi l’articolo su www.unfoldingroma.com

Intervista di adnkronos a Giulio Gravina

Gravina (Italpol), ‘da Stato e Protezione Civile nemmeno una mascherina. 

L’amministratore della società di vigilanza: “Le abbiamo realizzate artigianalmente prima di trovarle e acquistarle”

“Con i dispositivi di protezione individuale abbiamo avuto grosse difficoltà il primo mese. Oggi almeno le guardie lavorano a norma di legge. Ma non per merito di altri. A noi è arrivato zero: lo Stato, la Protezione civile non ci ha mai dato nemmeno una mascherina. Quando inizialmente le mascherine non si trovavano, abbiamo incaricato della loro realizzazione un gruppo di cinque persone, ora le abbiamo comprate. Noi abbiamo circa 800 persone tra Milano e Bergamo, non potevamo aspettare ed era fondamentale proteggerle”. A parlare all’Adnkronos è Giulio Gravina, amministratore della Italpol, società di vigilanza.

“La nostra è una azienda di 3000 persone che serve grandi clienti, anche strategici come trasporti e ospedali – spiega Gravina – Mentre abbiamo registrato un calo del lavoro all’Inps o nei ministeri, drastica è stata la riduzione negli aeroporti: abbiamo l’appalto della vigilanza nei primi 5 d’Italia (Fiumicino, Malpensa, Linate, Bergamo e Salerno) e su quel fronte abbiamo registrato un calo di oltre 300 persone. Al contrario un aumento c’è stato sul fronte degli ospedali. Le guardie adesso fanno, anche con strumenti tecnologici, controlli alle persone per misurare loro la temperatura. Qui la situazione è diversa, i nostri uomini vengono trattati come fossero operatori degli stessi ospedali dove effettivamente stanno lavorando ben oltre le loro mansioni. Vengono vestiti anche con i camici, cuffie, occhiali”.

Casi positivi si sono registrati anche tra le guardie giurate, da sempre in prima linea e a stretto contatto con il pubblico. “Noi di Italpol – conferma l’amministratore – tra Bergamo e Milano abbiamo avuto 3 casi Covid, uno dei quali in terapia intensiva è uscito la settimana scorsa. Nel nostro ufficio, invece, ci siamo organizzati in smart working investendo sui test sierologici per i dipendenti amministrativi che da qui al 4 maggio torneranno tutti”.

Tratto da un articolo di adnkronos.com

Leggi l’articolo www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2020/04/17/gravina-italpol-stato-protezione-civile-nemmeno-una-mascherina

Gli Eroi della Vigilanza

 

Italpol Vigilanza

In giorni così delicati come quelli che viviamo, sono tante le personalità che si presentano con vesti diverse da quelle a cui eravamo abituati, sono i supereroi del nostro tempo, persone e professionisti che dedicano la loro vita al prossimo. Il lavoro diviene missione, una missione con il camice bianco, verde o una divisa blu o nera, spesso estraniata dal volto della sua umanità.

La vera scoperta di questi giorni è la vastità di supereroi che combattono per noi, eroi che fino a ieri vestivano i panni della gente comune, dietro una cassa di un supermercato, un bancone di una farmacia o il macchinario di una fabbrica. L’alienazione delle nostre vite ha lasciato spazio alla dedizione, ha una forza improvvisa che combatte l’incertezza e genera bellezza in contrasto alla povertà di cui a volte noi essere umani siamo i promotori.

In tutto questo marasma di persone, dagli angoli bui al centro delle città, troviamo una tipologia di eroi troppo spesso non nominati.

Chi sono? sono le Guardie Particolari Giurate.

Spesso non te ne accorgi, eppure loro ci sono, le trovi nel caos di una metro, tra le corsie di un ospedale, in un centro commerciale, davanti ai monitor di una Sala Operativa o alla guida di un auto che tinge di arancione le strade della notte.

I Servizi di Vigilanza hanno mantenuto elevata la qualità dei servizi e adattato il lavoro per far fronte alle nuove necessità imposte da questa emergenza. E cosa sono i Servizi di Vigilanza se non servizi effettuati da persone per garantire la sicurezza di altre persone?

Ed è qui che volevo giungere, grazie ad ogni persona appartenente alla categoria, e in particolar modo, grazie a tutte le GPG che lavorano nel nostro istituto, Italpol Vigilanza.

Grazie per il vostro essere eroi silenziosi, gli Eroi della Vigilanza.

Vigilanza Ispettiva: GPG sventa furto in un’azienda romana

Furto sventato in un’azienda a sud di Roma.

Notte inoltrata, la GPG di Italpol Vigilanza compie il giro ispettivo, il terzo della notte e riscontra un lieve, quasi impercettibile, segno di effrazione su una porta esterna.

Dato che durante i giri precedenti non erano state riscontrate anomalie, la GPG allerta la Sala Operativa che decide di inviare una seconda pattuglia a supporto.

Sono stati poi rinvenuti degli arnesi del “mestiere”, probabilmente abbandonati dai malviventi al fine di agevolare la fuga causata dall’arrivo della GPG.

L’azienda non ha subito alcun furto. Ancora una volta il giro ispettivo di Italpol Vigilanza e la prontezza della Sala Operativa si confermano un valido deterrente contro i ladri.

 

 

Vuoi scoprire i nostri servizi? chiama il Numero Verde 800327311

 

ITALPOL Ha Sviluppato Il Sistema Siem Intrusion Detection & Intrusion Prevention

fabio

Il Coronavirus oggi, rappresenta una sfida non solo nel campo della medicina, ma anche in quello della sicurezza. Da quando il Covid-19 è entrato nelle nostre vite, esse si sono modificate. Uno dei primi, grandi cambiamenti, è stato quello dell’uso massiccio dello smart working. Ciò ha imposto che, parallelamente, venissero potenziati gli strumenti di cyber security. In Italia, una delle prime imprese ad aver accettato la sfida è stata ITALPOL, azienda leader nel settore della vigilanza e della sicurezza preventiva. Come spiega L’amministratore delegato Giulio Gravina: “Non sempre si ha la sensibilità per trattare la sicurezza cyber con la stessa attenzione con cui si tratta quella fisica. Nessuno lascerebbe i propri server in luoghi accessibili a chiunque – continua – eppure, in molti casi, non ci si preoccupa di proteggere i propri sistemi da attacchi informatici, lasciando involontariamente le porte aperte ai criminali della rete”.

“Per questo, ancor di più durante questo periodo di emergenza, il binomio “Smart working e Cyber Security”, è diventato il binomio vincente di ITALPOL. “Le aziende si stanno ristrutturando in fretta per poter proseguire il loro lavoro, spesso non valutando appieno gli aspetti legati alla cyber security” ha commentato Gravina. ITALPOL ha invece trovato una formula vincente per contrastare il fenomeno, attraverso la creazione del Work Force Management, una piattaforma, curata dall’Ufficio Tecnico Ricerca e Sviluppo della ITALPOL, in grado di coordinare e organizzare il lavoro a distanza, secondo i principi della cyber security by-design.

“La Divisione Cyber della nostra azienda – racconta Marco Dal Puppo, security manager della Divisione Cyber e R&S – ha approntato un sistema di protezione interno, ora perfezionato anche per la propria clientela. Sono attivi servizi di penetration testing, assestment, valutazione dei rischi e piattaforme awareness capaci di verificare ogni aspetto IT e di mettere in sicurezza i dati ed il lavoro delle aziende e delle infrastrutture italiane”.

Non solo, di recente il gruppo ITALPOL ha sviluppato il sistema Siem intrusion detection & intrusion prevention, dedicato soprattutto alla piccola e media utenza. Lo strumento, altro gioiello sviluppato dall’Ufficio Tecnico Ricerca e Sviluppo, permetterà non solo la scansione dei log e degli accessi, ma anche di intercettare tutti gli attacchi hacker sulla rete, che sia essa aziendale o domestica. L’utente riceverà le informazioni sul proprio dispositivo mobile ed automaticamente sarà allertata la sala operativa di primo livello ITALPOL, attiva 24 ore su 24. ITALPOL sarà inoltre in grado di fornire la reportistica a norma GDPR per gli studi professionali e le piccole e medie aziende italiane.

Articolo Tratto da www.unfoldingroma.com

Furto fallito in una stazione di servizio, interviene la GPG

stazione servizio

Tentato furto in una stazione di servizio in provincia di Caserta. La segnalazione di allarme giunta ai sistemi della Sala Operativa poco dopo le 22 di ieri notte, ha attivato tutte le procedure di intervento. Dalla verifica video avviata dagli operatori non è risultata alcuna anomalia, ma come previsto in questi casi, è stata inviata sul posto la pattuglia per il controllo dell’utenza.

Sul posto la GPG ha riscontrato i segni di un’ effrazione, i malviventi avevano danneggiato sia la porta di accesso al bar che la serranda di accesso alle Slot. L’intervento celere della GPG non ha permesso loro di accedere ai locali e compiere il furto.

Smart Working, ITALPOL Modello All’avanguardia

Italpol Vigilanza

L’ad Giulio Gravina: “Il Coronavirus non ci ha colti impreparati”

Un’opportunità per le aziende e per la pubblica amministrazione. Una necessità durante l’emergenza legata al Coronavirus. Il telelavoro torna oggi con prepotenza all’attenzione di manager e società. In molti, dopo il decreto #IoRestoaCasa, hanno riscoperto l’utilità del lavoro agile. Molti altri, invece, non avendo dedicato investimenti in precedenza, sono corsi ai ripari per non subire ritardi nelle loro attività.

L’Italia, prima dell’emergenza, è apparsa refrattaria in questo campo rispetto all’Europa. Del resto l’utilizzo dello smart working comporta un cambiamento culturale, una revisione radicale del modello organizzativo dell’azienda e il ripensamento delle modalità che caratterizzano il lavoro in sé.

 “Abbiamo sempre creduto e investito nelle tecnologie. Per questo l’attuale situazione di emergenza non ci ha colti impreparati – sottolinea Giulio Gravina, l’amministratore delegato di ITALPOL, azienda leader nel mondo della vigilanza e della sicurezza preventiva –. La maggior parte dei nostri dipendenti, che ricopre mansioni di carattere amministrativo ed organizzativo, è passato al telelavoro per adeguarsi a quanto il governo chiede a tutti noi italiani. L’esperienza maturata dal nostro ufficio tecnico R&S con il software per il Work Force Management, che consente di organizzare e coordinare il lavoro a distanza, ci è stata sicuramente di grande supporto”.

Articolo Tratto da unfoldingroma.com

Leggi l’articolo completo su https://www.unfoldingroma.com/cronaca-metropolitana/11692/smart-working,-italpol-modello-all%E2%80%99avanguardia

Tenta furto in una Asl, denunciato

 

Ostia.

Alle prime luci dell’alba una segnalazione di allarme proveniente da un azienda sanitaria locale nella zona di Ostia, è giunta ai sistemi della Sala Operativa di Italpol Vigilanza.

Immediate le procedure d’intervento.

Vengono incaricate due pattuglie, la GPG Fabrizio B. e la GPG Walter P. che raggiungono il posto nel minor tempo possibile, tanto da cogliere il ladro in flagrante.

Il ladro, un uomo dai tratti mediterranei, teneva in mano un cacciavite e alla vista delle GPG ancora fuori dall’edificio, si chinava per poi fuggire da un ingresso secondario.

Mentre le GPG eseguivano una bonifica dei locali interni alla ricerca dell’uomo e di eventuali danni alla struttura, arrivavano le forze dell’ordine allertate dalla Sala Operativa di Italpol Vigilanza, le quali, accertatasi della mancata presenza di furti, lasciavano il posto per poi tornare una manciata di minuti più tardi con il presunto ladro a bordo della volante.

Le Gpg hanno identificato l’uomo come colpevole del furto. Il malvivente è stato denunciato.

La struttura non ha subito alcun furto.

Tentano furto in un ristorante, intervengono le GPG

cook-366875_1280

Roma.

Furto sventato nella capitale, preso di mira un ristorante sull’Ardeatina.

Poco dopo le 2 di notte perveniva ai sistemi della Sala Operativa una segnalazione di “Mancato Inserimento”, un fatto inusuale che ha spinto gli operatori di Italpol Vigilanza a contattare il proprietario e a procedere con un inserimento da remoto.

Alle 02:38 nuove segnalazioni, questa volta di allarme, giungevano ai sistemi della Sala Operativa; immediate le procedure di intervento con l’invio sul posto di due pattuglie.

Durante la bonifica, la GPG Alessio O. e la GPG Alberto D. hanno riscontrato diversi segni d’effrazione: la finestra degli spogliatoi era divelta, alcuni sensori spaccati ed una porta era stata forzata, all’interno vi erano generi alimentari, nello specifico salse! Il furto non è stato compiuto grazie al celere intervento di Italpol Vigilanza.

 

Maxi intervento delle GPG di Italpol Vigilanza

intervento_volante

Roma.

Sventato furto in un locale appartenente a una nota catena di ristorazione.

Le anomale segnalazioni giunte alla Sala Operativa alle ore 02:36 della notte, sono state seguite da un maxi  intervento di Italpol Vigilanza.

Sul posto tre pattuglie. All’esterno tutto sembrava essere nella norma, all’interno invece, vi erano tracce evidenti del passaggio dei malviventi.

Sensori spaccati, porte forzate e un buco nel muro del locale tecnico che confinava con un locale in disuso. Dopo un’accurata bonifica esterna è stato individuato il punto di accesso dei malviventi, un anello mancante nella catena del cancello secondario rinchiuso poi con del fil di ferro.

Le casse e le parti sensibili, sono rimaste integre; i malviventi non hanno avuto il tempo di compiere il furto grazie al celere intervento delle nostre pattuglie gestite dalla Sala Operativa 24 ore su 24.