Smart Working, ITALPOL Modello All’avanguardia

Italpol Vigilanza

L’ad Giulio Gravina: “Il Coronavirus non ci ha colti impreparati”

Un’opportunità per le aziende e per la pubblica amministrazione. Una necessità durante l’emergenza legata al Coronavirus. Il telelavoro torna oggi con prepotenza all’attenzione di manager e società. In molti, dopo il decreto #IoRestoaCasa, hanno riscoperto l’utilità del lavoro agile. Molti altri, invece, non avendo dedicato investimenti in precedenza, sono corsi ai ripari per non subire ritardi nelle loro attività.

L’Italia, prima dell’emergenza, è apparsa refrattaria in questo campo rispetto all’Europa. Del resto l’utilizzo dello smart working comporta un cambiamento culturale, una revisione radicale del modello organizzativo dell’azienda e il ripensamento delle modalità che caratterizzano il lavoro in sé.

 “Abbiamo sempre creduto e investito nelle tecnologie. Per questo l’attuale situazione di emergenza non ci ha colti impreparati – sottolinea Giulio Gravina, l’amministratore delegato di ITALPOL, azienda leader nel mondo della vigilanza e della sicurezza preventiva –. La maggior parte dei nostri dipendenti, che ricopre mansioni di carattere amministrativo ed organizzativo, è passato al telelavoro per adeguarsi a quanto il governo chiede a tutti noi italiani. L’esperienza maturata dal nostro ufficio tecnico R&S con il software per il Work Force Management, che consente di organizzare e coordinare il lavoro a distanza, ci è stata sicuramente di grande supporto”.

Articolo Tratto da unfoldingroma.com

Leggi l’articolo completo su https://www.unfoldingroma.com/cronaca-metropolitana/11692/smart-working,-italpol-modello-all%E2%80%99avanguardia